“Cereal” sussurra luoghi d’interludio

24 ottobre 2016 / Book

24 ottobre 2016 / Book

“Cereal” sussurra luoghi d’interludio

È un viaggio sospeso nel tempo fatto di mete insolite, angoli nascosti nelle metropoli più acclamate e villaggi sconosciuti tra un oceano e l’altro. L’evanescenza che riserbano le immagini assomigliano alla prima luce del mattino che soffusa illumina la stanza. Quella medesima quantità di luce che penetra lo sguardo poco alla volta. Quella porzione di mondo che si riesce ad osservare ad occhi socchiusi. Quella breve attesa prima di prendere fiato. Tutto questo è “Cereal”. Per i semplici una guida, per i sognatori una visione. Le fotografie e la grafica lasciamo spazio al bianco, dove i colori e i toni scuri abitano le pagine con discreta riservatezza e la proposta di viaggio diventa un suggerimento sussurrato al lettore, un segreto svelato a voce bassa.

Purista ed essenziale, Cereal ritrova luoghi d’interludio in cui perdersi per qualche istante, lasciandosi trasportare dall’insolito.

X
- Enter Your Location -
- or -
X
- Enter Your Location -
- or -