Soho House Instanbul: crocevia esclusivo per artisti e creativi

26 ottobre 2016 / Travel

26 ottobre 2016 / Travel

Soho House Instanbul: crocevia esclusivo per artisti e creativi

Era il 1882 quando Ignazio Corpi, potente armatore genovese, solcò l’ingresso del suo omonimo palazzo dopo nove anni di ristrutturazioni affidate alla magistrale direzione dell’Architetto Giacomo Leoni. L’architetto, chiamando artisti da tutto il mondo per affrescare le pareti con le scene della mitologia greca e ordinando marmo di Carrara e palissandro piemontese per rivestire gli interni, seppe trasformare il palazzo in un angolo di sontuosa eleganza italiana nel cuore di Istanbul. Purtroppo dopo una vita vissuta in questa meravigliosa residenza, Ignazio Corpi morì e gli eredi scelsero di affittarla all’ambasciata americana fino al 2014 quando il Club “Soho House” commissionò una seconda ristrutturazione per riportare l’edificio al suo antico splendore.

Il Club, fondato a Londra nel 1995, raccoglie personalità di rilievo del mondo del cinema, della moda, della pubblicità, della musica e dell’arte in genere, con l’obiettivo di far incontrare persone dall’animo creativo in luoghi unici e memorabili. Palazzo Corpi è parte di questa visione ed ora, diventato Albergo d’élite sulle rive del Bosforo, offre servizi esclusivi come ristoranti, aree lounge, SPA e palestre, oltre ad essere una notevole location per eventi, party privati, live music e DJ performance.

A più di un secolo di distanza, l’arte è tornata ad essere la protagonista indiscussa di un luogo colmo di storia, realizzando così i desideri dell’antico armatore genovese che per primo ne comprese la bellezza.

X
- Enter Your Location -
- or -
X
- Enter Your Location -
- or -