Cucinerò per te

19 maggio 2017 / Food

19 maggio 2017 / Food

Cucinerò per te

È una storia d’amore la cucina. Bisogna innamorarsi dei prodotti e poi delle persone che li cucinano (Alain Ducasse)

 

Questo in estrema sintesi è la filosofia che ha ispirato lo chef stellato James Knappett e il suo kitchen table da diciannove sedute.

L’esperienza che si vive in questo ristorante londinese è unica, si spartisce tutto con tutti, dal vicino di tavolo (sconosciuto o meno) allo chef. Si condivide l’esperienza della cucina, dei propri gusti e curiosità. Si condividono anche le suggestioni che arrivano attraverso il cibo. Altra novità proposta dal Kitchen Table è l’aggiornamento quotidiano del menu, preparato in base alla disponibilità del giorno e alla stagionalità della terra (rigorosamente British).

Un lungo bancone in acciaio lucido, memoria dei bistrot d’inizio secolo, contornato da comode poltroncine in pelle. La vera degustazione deve essere confortevole da tutti i punti di vista. Il menu prevede portate colorate, minimali e raffinate; anche i piatti hanno il loro fascino, dalla semplice ciotola in ceramica alla lastra di ardesia. Il piacere di stare a tavola, anche tra sconosciuti.

Un’esperienza da provare, passaporto alla mano e via ad assaggiare il “best hidden gem restaurant in London”.

Tag:

#Food

#lemag

#london

X
- Enter Your Location -
- or -
X
- Enter Your Location -
- or -