Pronto chi ascolta?

4 aprile 2017 / Travel

4 aprile 2017 / Travel

Pronto chi ascolta?

Parlare è un bisogno. Ascoltare è un’arte (Goethe)

A Milano esistono bellissimi palazzi, ogni stile ha i suoi capolavori e le sue stranezze. Ogni edificio ha una storia da raccontare. C’è chi ha una meridiana e chi un orecchio in bronzo. In via Serbelloni, in pieno centro storico, impera il Liberty con le sue forme ricciolute e palazzo Sola-Brusca è tra i più belli.

Accanto al suo portone è stato posizionato uno tra i primi citofoni della città e quale forma poteva avere se non un correttissimo orecchio? Aldo Andreani e Adolfo Wildt sono gli ideatori della Cà dell’uregia (Casa dell’orecchio), come è stata subito ribattezzata dal sarcasmo degli irriverenti milanesi. È diventata oggetto di bizzarre leggende metropolitane, fin dai primi anni. Si dice che chiunque si avvicini e gli sussurri i propri sogni o desideri, possa un giorno vederli realizzati. Oppure, che dall’interno del palazzo ascoltino tutta la città.

Ancora oggi è un oggetto misterioso e attraente, chiunque passi si sente attratto e stuzzicato. Come resistere alla tentazione di parlarci dentro? Uno sguardo alla strada e se non c’è nessuno avvicinarsi furtivo e sussurrare qualcosa, come nei pozzi dei desideri.

A Milano il design c’era prima ancora che inventassero la parola o il Salone del Mobile.

Tag:

#lemag

#Milano

#Travel

X
- Enter Your Location -
- or -
X
- Enter Your Location -
- or -